Morpheo Edizioni

4 Slam: tutto per una ragazza che si possono guardare su Netflix quando si dispone di alcun piano di weekend

italiano film
L’italia è uno dei paesi più ricchi in termini di cultura e di storia. Parla della settima arte, prodotto in queste terre, porta senza dubbio costretti a parlare nastri che hanno segnato e di avere una struttura solida per il cinema italiano, come i ladri di biciclette (1948), La dolce vitta (1960) e La strada (1954), solo per citarne alcune opere rappresentative. Anche le cifre sullo schermo e dietro le quinte. Come vincitore del premio Oscar Roberto Benigni, attore e scrittore, che ricordiamo senza dubbio l’iconica la vita è bella; Monica Bellucci, attrice con ottimi servizi (Malena, Irreversibile); Federico Fellini, l’originale e il più famoso regista del paese a forma di stivale.

Il cinema italiano ha evidenziato un momento cruciale della storia. Un paese devastato dal fascismo, il fanatismo, la miseria e la guerra poteva solo allevare una generazione con un look particolare. Il neorealismo italiano significava un prima e un dopo nella cinematografia mondiale. La crudezza tratti di realtà e di un certo minimalismo, così come una narrazione, purificato, piroette visivamente discorsiva caratterizzato un’onda che ha influenzato intensamente nel cinema contemporaneo. Molto è accaduto dopo la Seconda Guerra Mondiale segnò una cicatrice culturale bolla d’Europa. Da allora, gli orizzonti si sono aperti, ma l’essenza, anche molto, è ancora lì. La qualità della celluloide italiana è un dato di fatto in vigore. Hai solo bisogno di guardare i film di Michelangelo Antonioni o di uno dei più recenti vincitori del premio Oscar, Paolo Sorrentino. Probabilmente vedrete molte delle sue produzioni, tra i migliori che sono stati realizzati in Europa negli ultimi 10 anni. Alla fine, il film di eredi di Roma, è un mondo da esplorare. Per questa stessa ragione, e perché non tutto è Hollyood, al di sotto dei 4 film italiani che si possono guardare su Netflix nel weekend. Chiedere per la pizza, aprire un vino e godere.

 

My Honor Was Loyalty (Di Alessandro Pepe, 2016)

My Honor Was Loyalty
Questo film, esordio alla regia di Pepe, che ha anche scritto la sceneggiatura e ha composto la musica, prendere una storia della Seconda Guerra Mondiale. Un dramma della guerra, senza tanto sangue e grandi esplosioni, dramma politico o tensione del mondo. Non è una star di Hollywood classico sfortunata di esseri umani, in veste di eroi americani. Si tratta piuttosto di un approccio pienamente umana e di pentimento da parte di un soldato dell’esercito tedesco. Se volete vedere le attrici e gli attori parlano in italiano e il fumo di scena dopo scena, questo potrebbe non essere quello che vi aspettate, ma porta il marchio italiano che ha nel suo DNA.

 

La migliore offerta La Migliore Offerta (Giuseppe Tornatore, 2013)
All’interno della filmografia di Giuseppe Tornatore ci sono squisite opere che avvolgono la delicatezza tra arte e vita. Un chiaro esempio di questo è La migliore offerta, in cui Geoffrey Rush gioca con precisione millimetrica nei dettagli, per uno studioso banditore d’arte, Virgil Oldman, con grossi problemi a relazionarsi con le persone. Questa storia racconta di come la sua vita solitaria, sarà un dramma romantico a diventare una storia terribile. Soggetto e sceneggiatura sono stati progettati dal proprio Tornatore, un nome imprescindibile sul cinema italiano.

 

Suburra (Stefano Sollima, 2015)

Suburra
Si tratta di una co-produzione Italia-Francia, tratto dal romanzo omonimo di Giancarlo De Cataldo. La Subura, o Suburra era un vasto e popoloso quartiere dell’Antica Roma. La vita del vice Malgradi, utilizzato sempre più per eccesso di, le droghe e il lusso, è storpiato, quando è stato coinvolto nella morte di una prostituta, in modo che egli apre la strada a diverse aree della criminalità organizzata. Divertente e pieno di azione, indaga su come i gruppi criminali e di come il denaro si muove in una società di insaziabile di potere.

 

Slam: tutto per una ragazza (Andrea Molaioli, 2016)
Basato sul libro Slam, l’autore scozzese di Nick Hornby, è un lavoro diretto a Netflix. Si tratta di circa la genitorialità precoce di un ragazzo a praticare lo skateboard, che è incinta di Alice e segue i consigli del suo idolo Tony Hawk, che gli appare in trance. Oltre alla riflessione circa l’importanza di prendere le decisioni giuste al immatura età, il nastro parla di come siamo predestinati a fare gli stessi errori che le generazioni precedenti.

Scroll To Top
Vai alla barra degli strumenti